NO alla rottamazione dell’art.18

usbNO ALLA ROTTAMAZIONE DELL’ART. 18
NO ALLA CONTRORIFORMA FORNERO
NO AL WELFARE DEI MISERABILI

NON LASCIAMOLI FARE! GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE

MARTEDI’ 20 MARZO

ROMA PRESIDIO ORE 15.00 – PIAZZA MONTECITORIO
NAPOLI PRESIDIO ORE 16,30 – PIAZZA PLEBISCITO

Siamo di fronte ad una capitolazione dei sindacati complici. Non solo si concede lo smantellamento dell’art. 18 sulla tutela dai licenziamenti illegittimi, ma si aggiunge sul piatto la riduzione delle tutele per chi rimane disoccupato, con un peggioramento – nella durata e nell’assegno – del trattamento di mobilità e di CIGS per circa un milione di lavoratori.

UN REGALO ALLA CONFINDUSTRIA, AL GOVERNO MONTI E A  MARCHIONNE
UN ATTACCO SCELLERATO AI LAVORATORI E AI DISOCCUPATI

La CGIL, insieme a CISL e UIL, in pochi mesi ha concesso al Governo Monti di smantellare decenni di conquiste democratiche del movimento dei lavoratori, dalle pensioni allo statuto dei lavoratori; ha concesso di realizzare, a partire dall’accordo del 28 giugno scorso, quelli che erano i progetti del padronato ben chiariti dalla vicenda FIAT.
Abbiamo assistito ad un teatrino di “incontri utili”, di dichiarazioni provocatorie da parte del Ministro Fornero, con tanto di contro risposte e ammiccamenti da parte della Camusso, di Bonanni e di Angeletti.
Un tavolo nato, fin dall’inizio, non per estendere le tutele di fronte alla crisi ma per regalare ai padroni nuovi strumenti di ricatto e maggiore libertà di sfruttamento sui lavoratori.
Parlano di estensione delle tutele mentre tagliano indennità di mobilità, CIGS e cassa in deroga. Parlano di “manutenzione” dell’art. 18 mentre vogliono regalare ai padroni maggiore libertà di licenziare. Le imprese potranno, “inventandosi” generici motivi economici, sbarazzarsi dei lavoratori scomodi al prezzo – se condannati dal Giudice – di soli 2 anni di stipendio.
La CGIL di Camusso, più sensibile agli interessi politici di Monti-Bersani-Alfano-Casini che alle esigenze dei lavoratori e dei disoccupati, si prepara a firmare e a far ingoiare un accordo irresponsabile e scellerato come fosse la soluzione migliore per i lavoratori e per i settori popolari già massacrati dalla crisi.
NON LASCIAMOLI FARE!
CONTRO QUESTO INFAME ACCORDO AMMAZZA TUTELE
MARTEDI’ 20 MARZO
GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE
ROMA – PRESIDIO ORE 15.00 – PIAZZA MONTECITORIO
NAPOLI – PRESIDIO ORE 16,30 – PIAZZA PLEBISCITO

Tags: